Con la Delibera n.2245 del 18/12/2023 la regione Emilia-Romagna ha approvato il bando sulla misura del PNRR, AMMODERNAMENTO DEI MACCHINARI AGRICOLI PER INTRODURRE TECNICHE DI AGRICOLTURA DI PRECISIONE NELL’AMBITO DEL PNRR – MISSIONE 2 COMPONENTE 1 – INNOVAZIONE E MECCANIZZAZIONE NEL SETTORE AGRICOLO E ALIMENTARE – REG. (UE) 2021/241 E DECRETO MASAF N.413219/2023.

Le domande dovranno riguardare esclusivamente investimenti finalizzati all’ammodernamento del parco macchine agricole, oltre agli investimenti nei sistemi di agricoltura di precisione per l’efficientamento della produzione agricola.

I progetti devono inoltre garantire il rispetto del principio di “non arrecare un danno significativo” (do no significant harm – DNSH), di cui all’articolo 17 del Regolamento (UE) n. 2020/852 e alle schede di cui alla circolare RGS n. 32/2021 e alla circolare RGS n. 33/2022 per quanto applicabili agli investimenti finanziati a valere sul presente intervento.

Per intenderci un investimento rispetta il principio DNSH se non conduce a significative emissioni di gas serra, non conduce ad un peggioramento degli effetti negativi del clima, se non nuoce ai corpi idrici (superficiali, sotterranei e marini), se non conduce a sprechi di materiali e/o risorse naturali, se non conduce ad un aumento di rifiuti da smaltire, se non conduce ad un aumento di emissioni di sostanze inquinanti, se non nuoce agli ecosistemi, agli habitat e alle specie naturali.

I progetti devono altresì contribuire al miglioramento climatico e alla trasformazione digitale.

Sono ammissibili le spese sostenute dai beneficiari per le seguenti tipologie di macchinari ammessi al finanziamento, nel rispetto del principio del DNSH:

A) Supporto all’investimento in macchine e attrezzature per l’agricoltura di precisione

B) Sostituzione di veicoli fuoristrada (trattori) per agricoltura e zootecnia

C) Supporto all’investimento per l’innovazione dei sistemi di irrigazione e gestione delle acque

L’aliquota di contributo è così fissata:

a) l’80 % dell’importo dei costi di investimento ammissibili nel caso di giovani agricoltori;

b) il 65 % dell’importo dei costi di investimento ammissibili negli altri casi.

La spesa massima ammissibile è pari ad euro 35.000,00 per gli investimenti indicati alle lettere a) e c), e a euro 70.000,00 per gli investimenti indicati alla lettera b).

Per gli investimenti di cui alle lettere a) e c), eventuali proposte progettuali di importo compreso tra euro 35.000,00 e 70.000,00 potranno essere comunque finanziate ed il contributo concedibile sarà calcolato sulla spesa ammissibile di euro 35.000,00.

Per gli investimenti di cui alla lettera b), eventuali proposte progettuali di importo superiore a euro 70.000,00 potranno essere comunque finanziate ed il contributo concedibile sarà calcolato sulla spesa ammissibile di euro 70.000,00.

Ciascuna impresa potrà presentare una sola domanda.

Le domande di aiuto dovranno essere presentate entro il termine del 31 marzo 2024.

Gli uffici tecnici sono a disposizione, su appuntamento, per ogni informazione e per la compilazione e presentazione delle domande.