Al fine di incentivare la cultura del biologico e stabilire un modello di sviluppo sostenibile, conciliabile con i bisogni delle comunità presenti sul territorio regionale e non in contrasto con la tutela della biodiversità, la Regione Emilia-Romagna con la Legge regionale 3 ottobre 2023, n. 14 “Disposizioni per la disciplina, la promozione e la valorizzazione dei distretti del biologico”, promuove e favorisce l’aggregazione in distretti del biologico dei soggetti partecipanti ad un sistema produttivo locale, costituito da agricoltori biologici, allevatori e trasformatori biologici, cittadini, associazioni o enti locali.

La Giunta regionale con Deliberazione n. 2049 del 27 novembre 2023, ha dato attuazione alla legge regionale approvando le disposizioni applicative per il riconoscimento dei distretti del biologico.

Insieme il biologico cresce di più e meglio. È la filosofia dei nuovi bio-distretti, che si sviluppano in aree geografiche ben precise con coltivazioni, allevamenti, filiere commerciali e di trasformazione.

Qui agricoltori, privati cittadini, associazioni, operatori turistici e pubbliche amministrazioni stringono un accordo per la gestione sostenibile delle risorse, puntando su produzioni biologiche che coinvolgono tutti gli anelli delle filiere frutticole, zootecniche o cerealicole, fino alla tavola.

La Regione Emilia- Romagna punta su questo modello di gestione e, tra le prime in Italia, ha approvato una legge specifica, la 14 del 2023 e le relative disposizioni applicative recentemente entrate in vigore.

Per costituire un distretto, gli imprenditori agricoli devono essere almeno 30, per 400 ettari di superficie bio, oppure operare su una superficie agricola utilizzabile biologica pari ad almeno il 20% della superficie bio totale del distretto.

Il territorio minimo è di cinque comuni contigui in Emilia-Romagna.

La contiguità dei comuni del distretto deve essere garantita anche nel caso in cui il numero dei comuni sia superiore a cinque. Il territorio del distretto deve comprendere attività agricole biologiche con una peculiare e distinta identità territoriale, storica e paesaggistica.

Tutte le informazioni sono disponibili alla pagina web dedicata ai distretti biologici:

https://agricoltura.regione.emilia-romagna.it/produzioni-agroalimentari/temi/filiere-agroalimentari/bio-distretti