Con nostra circolare precedente avevamo reso noto che l’INPS – su nostra richiesta – stava per annullare d’ufficio le contestazioni relative alla mancanza di regolarità contributiva (assenza di DURC) per gli esoneri contributivi COVID, notificate ai datori di lavoro e ai lavoratori agricoli autonomi nello scorso mese di dicembre 2023, avviando contestualmente un nuovo controllo interno finalizzato ad appurare la presenza di un DURC positivo a partire dalla data di presentazione della domanda.

A seguito di tale ulteriore verifica, molti contribuenti si sono visti annullare d’ufficio la precedente contestazione e confermato quindi il diritto all’esonero.

Per tutti gli altri – che anche a seguito dei nuovi controlli effettuati (retroattivamente, a far data dalla domanda di presentazione dell’esonero) sarebbero risultati ancora non in regola col DURC – l’INPS si era impegnato ad inviare una nuova richiesta di regolarizzazione delle partite debitorie.

Torniamo oggi sull’argomento in oggetto, per rendere noto che l’Inps sta avviando in modo massivo l’operazione di richiesta di regolarizzazione della posizione, attraverso l’invio di una comunicazione di preavviso di DURC negativo (invito a regolarizzare trasmesso via PEC).

È dunque necessario monitorare l’arrivo di tali comunicazioni, in modo da regolarizzare, nei termini previsti, la propria posizione debitoria nei confronti dell’INPS e acquisire il DURC positivo, ciò permetterà di mantenere conseguentemente il diritto agli esoneri COVID.