Con la presente siamo a comunicare che nel corso dell’incontro tenutosi con AGREA nei giorni scorsi, siamo stati aggiornati sull’attuale stato dei pagamenti a saldo delle domande uniche 2023 e delle domande PSR agroambiente 2023.

AGREA ci ha comunicato che, rispetto alla passata programmazione, si sono maturati diversi ritardi nei pagamenti dei saldi, dovuti, in particolare a:

1)              assenza del quadro normativo sanzionatorio di riferimento, che non consente di avviare le liquidazioni a causa del rischio di un potenziale recupero degli importi indebitamente percepiti dovuto all’applicazione delle sanzioni (condizionalità, premio giovane, ecc.).

2)              introduzione nella programmazione 2023/2027 di una nuova metodologia di contabilizzazione dell’erogazione dei contributi, molto più complicata e dettagliata rispetto alla passata programmazione, che sta generando ritardi nella predisposizione dei programmi di calcolo. In particolare, sulle domande PSR agroambiente questo problema, ha portato all’erogazione degli anticipi solo per un numero ristretto di aziende.

3)              Applicazione dei nuovi controlli satellitari che hanno comportato il rallentamento nel calcolo delle Domande Uniche e l’attuale impossibilità di determinare il valore delle domande di indennità compensativa SRB 01 e SRB 02. In quest’ultimo caso non sono ancora arrivati gli esiti dei controlli satellitari AMS per problemi legati alla sincronizzazione delle domande con il SIAN, al quale spetta il calcolo delle anomalie di ammissibilità AMS.

Per le ragioni sopra esposte, AGREA ci ha comunicato che l’attività di pagamento dei saldi sarà avviata nei primi giorni di marzo:

•               Per le Domande Uniche l’avvio dei saldi coinvolgerà:

o               Premio base (titoli);

o               Premio redistributivo;

o               Premio giovani agricoltori, trascinamenti vecchia programmazione (premio chiesto per la prima volta non prima della DU 2019 e che pertanto non è stato ancora percepito per il periodo massimo di 5 anni);

•               Per le domande PSR agroambiente i pagamenti procederanno per step successivi:

1.              Entro la fine di febbraio verranno pagati i trascinamenti dei ritiri ventennali vecchie programmazioni (domande presentate su SOP), ma le domande sono poche e l’importo complessivo molto basso;

2.              A inizio marzo andranno in pagamento le domande SRA e vecchie Misure 10 in trascinamento, in concordanza tra richiesto ed accertato;

3.              Le domande SRA e vecchie misure 10, con scostamenti tra richiesto ed accertato superiori a 100 €, prima di poter essere pagate dovranno essere sottoposte ad istruttoria da parte degli SACP ed eventuale attività di correttiva da parte del CAA;

4.              Le domande SRB – “indennità compensative” andranno in pagamento quando arriveranno gli esiti dei controlli satellitari AMS.

Per le aziende che hanno necessità ed urgenza è possibile attivare la domanda di prestito bancario come nella passata programmazione.

Gli uffici tecnici sono a disposizione per ogni chiarimento.