Modifiche alla disciplina del LOAgri (Art. 29, c.6)

Il c.6 sostituisce la disposizione di cui al c. 354 dell’art. 1 L. 197/2022, in materia di prestazioni occasionali di lavoro subordinato a tempo determinato in agricoltura (cd. LOAgri).

La nuova norma stabilisce che, in caso di superamento del limite di durata previsto dal c. 344 (svolgimento dell’attività per 45 giorni annui), il rapporto di lavoro per prestazioni occasionali di lavoro subordinato, oggetto di comunicazione, si trasforma in rapporto di lavoro a tempo indeterminato.

La disposizione, inoltre, mitiga la disciplina sanzionatoria in caso di utilizzo di categorie di soggetti diversi da quelli individuati al c. 344 (persone disoccupate, pensionati di vecchiaia o di anzianità, giovani con meno di 24 anni e detenuti o internati): detto utilizzo comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a 2.500 euro per ciascun lavoratore impiegato (prima: per ciascuna giornata di lavoro), salvo che la violazione del c. 344 da parte dell’impresa agricola non derivi da informazioni incomplete o non veritieri contenute nell’autocertificazione resa dal lavoratore ai sensi del c. 345. La medesima sanzione non verrà più applicata in caso di mancata comunicazione obbligatoria al Centro per l’impiego, fermo restando l’applicazione delle ordinarie sanzioni amministrative per questo adempimento.