Informiamo che la regione Emilia-Romagna ha approvato la Delibera di Giunta Regionale n. 958 del 27/05/2024 “AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI ACCESSO AI CONTRIBUTI PER L’ACQUISTO DI PRESIDI PER LA PREVENZIONE DEI DANNI DA FAUNA SELVATICA AI SENSI DELL’ART. 17 DELLA L.R. N. 8/1994 – ANNO 2024”.

In sintesi il bando prevede:

BENEFICIARI

esclusivamente Aziende agricole attive in Emilia-Romagna che:

– siano in possesso di partita IVA, fatti salvi i casi di esclusione previsti dalla normativa vigente in materia;

– siano iscritte ai registri della CCIAA, fatti salvi i casi previsti dalla normativa vigente;

– siano iscritte all’Anagrafe Regionale delle Aziende Agricole di cui al RR 17/2003, con posizione debitamente validata;

– siano registrate presso l’Azienda U.S.L. competente per territorio se previsto e, in caso di allevamento di specie selvatiche, in regola con quanto prescritto dalla specifica normativa vigente in materia;

INTERVENTI AMMISSIBILI

Ai fini del presente bando le tipologie degli interventi di prevenzione per danni arrecati dalla fauna selvatica sono ammissibili limitatamente alle specie e ai territori di seguito indicati:

a.          specie cacciabili di cui all’art. 18 della legge statale nelle Oasi di protezione, nelle Zone di Ripopolamento e cattura, nei Centri Pubblici di produzione della Fauna Selvatica, nelle zone di Rifugio, nei Parchi e nelle Riserve regionali e nelle aree contigue ai Parchi precluse all’esercizio venatorio;

b.          specie protette o specie il cui prelievo venatorio sia vietato, anche temporaneamente, per ragioni di pubblico interesse, ai sensi di provvedimenti quali Ordinanze sindacali o in conseguenza alla delimitazione di zone di restrizione II definite dal Reg. (UE)2023/594 e successive modifiche e integrazioni ai fini della gestione dell’epidemia di Peste Suina Africana, nell’intero territorio agro-silvo-pastorale.

Affinché l’intervento venga considerato effettuato nelle diverse zone di protezione di cui sopra è necessario che l’appezzamento oggetto di prevenzione vi ricada per una percentuale non inferiore al 70%. (calcolatelo bene);

Sono esclusi interventi su specie cacciabili in territorio cacciabile.

In domanda specificare bene e solamente una tipologia di animale e compilatela in ogni sua parte ed inviatela con tutta la documentazione richiesta

Sono ammissibili le seguenti tipologie di intervento:

a.          Creazione di protezioni fisiche con recinzioni perimetrali, recinzioni individuali in rete metallica o shelter in materiale plastico, reti anti uccello;

b.          Protezione elettrica a bassa intensità;

c.          Protezione acustica con strumenti ad emissione di onde sonore, di suoni o di ultrasuoni, apparecchi radio;

d.          Protezioni visive con sagome di predatori anche tridimensionali e gonfiabili, nastri olografici, palloni predator;

e.          Cani da guardiania.

È comunque previsto il finanziamento di nuovi materiali atti ad ottimizzare dotazioni già presenti in azienda.

La spesa massima ammissibile per ogni singola impresa a copertura dell’acquisto dei presidi di prevenzione è di Euro 3000,00 mentre la spesa minima è definita in Euro 300,00.

Il termine ultimo per la presentazione delle domande è il 31/07/2024

La mancata presentazione della domanda completa di tutte le informazioni richieste entro il termine perentorio sopra previsto comporta l’impossibilità di accesso agli aiuti del presente bando.

Per le ditte che intendono effettuare recinzioni fisse si ricorda di chiedere preventivamente al proprio Comune o Unioni di Comuni le eventuali autorizzazioni e spese per la loro realizzazione, evitando successive rinunce ed economie di spesa che potrebbero portare all’esclusione di ditte interessate.

Per la recinzione anti-lupo che la Ditta al momento della presentazione della domanda sia in possesso di: Allevamento di “BESTIAME” (Bovino, Ovi-caprino, suino, equino) con codice di stalla adeguato alla tipologia di allevamento effettuata. Sono esclusi gli allevamenti di bassa corte.

Per le recinzioni verificare bene nell’allegato A del bando le Finalità per le quali vengono realizzate.